• 2018_pace.jpg
  • 2018_ponti.jpg
  • 2018_sussidiarieta.jpg
  • 2018_trasparenza.jpg
  • poveri_new.jpg
  • rete_nuovo.jpg
  • sogno_nuovo.jpg

Laboratorio di umanità

 


Arrivo. Sono arrivato al Centro Diurno durante l’estate del 2016. Ciò che mi ha subito colpito è il clima affettivo molto familiare e accogliente, come se si entrasse in una casa in cui vige l’abitudine a relazionarsi in un certo modo. Ad un certo punto entra Z., un ospite del Centro da vari anni, e mi chiede ad alta voce guardando suor Giuliana: “Sei un nuovo ospite?”. Mi viene spontaneo rispondere: “Sì, sono un ospite del vostro Centro, in quanto mi avete aperto le porte e mi state permettendo di stare con voi oggi”. Mi sembrava il modo migliore di ricambiare l’accoglienza ricevuta entrando in quella piccola porta bianca, che difficilmente si potrebbe immaginare stia da molto tempo ospitando un’umanità variegata e spesso molto sofferente.

Laboratorio di umanità. Come educatore e  psicologo in questi ultimi anni ho lavorato con minori stranieri, rifugiati politici, adolescenti in difficoltà o sottoposti a provvedimenti penali, persone con disabilità o con forte sofferenza psichica.
Mai mi era capitato di entrare in un luogo in cui l’umanità era così varia e il target così sfumato.
A Raggi di Sole si sta insieme e si condivide, ora mediante colloqui, ora giocando a carte, ora parlando semplicemente davanti ad un immancabile caffè. Ognuno con la sua storia particolare ed unica, con la sua sofferenza scolpita nella carne. Per ognuno è garantito uno sguardo di accoglienza e riconoscimento, con il desiderio di ripartire insieme verso nuove mete.

Partenza. Quando per necessità familiari ho deciso di non lavorare più a Raggi di Sole ho subito avuto la consapevolezza che stavo perdendo qualcosa di importante. È bello lavorare in un posto in cui non sei trattato solo come un dipendente ma come lavoratore sei accolto e rispettato nella tua umanità, valorizzato e riconosciuto nelle tue risorse. Ho vissuto il servizio non solo come lavoro ma anche come dono.
Di tutto questo ringrazio le SFP, nella speranza di poter continuare nel mio piccolo ad essere una risorsa per il Centro!

Manuele Cicuti


© 2018 Francescane con i Poveri Onlus Aiuta la nostra ONLUS con il 5x1000: c.f. 97330470580