• 2018_pace.jpg
  • 2018_ponti.jpg
  • 2018_sussidiarieta.jpg
  • 2018_trasparenza.jpg
  • poveri_new.jpg
  • rete_nuovo.jpg
  • sogno_nuovo.jpg

Modi diversi per rinascere

 

Quelle che seguono sono esperienze di risurrezione interiore, fatte dai nostri ospiti durante la permanenza al centro Raggi di Sole, presentate con il loro linguaggio semplice, ma incisivo.

“Mi chiamo Z. e sono nato in Serbia.
Sono scappato da una guerra terribile. Sono venuto al Centro Raggi di sole nel 2010 e ho fatto il colloquio con Suor Giuliana. Lei è stata molto gentile, ha ascoltato tutti i miei problemi, mi ha accolto e subito ho avuto la possibilità di rimanere al centro. Qui ho potuto fare cose come lavare vestiti, mangiare, usare internet, ricaricare il telefonino, leggere libri e quando piove ho un posto dove trascorrere il tempo. Ho trovato molta disponibilità e ascolto. Quando avevo problemi di tutti i tipi, Suor Giuliana mi è stata vicina con parole e preghiere; una bella cosa per me, perché non ho nessuno che mi dia ascolto. Ringrazio molto e non dimenticherò per tutta la mia vita questo gesto. Mi sono sentito protetto dalle suore. Il centro Raggi Sole è l’unico luogo di ascolto dove sono stato molto bene, lo sento come casa mia e sono molto grato. Sono stato bene con tutti coloro che hanno frequentato il Centro e con ognuno/a ho condiviso gioie e problemi. Ci siamo aiutati tra di noi, dandoci le notizie sui vari servizi che possono esserci di aiuto in città”.  Z.

“Mi trovo qui
al Centro Raggi di sole dopo che i dottori del centro di igiene, che non mi avevano visto in carne, mi hanno fatto presente che appena fuori il cancello si trovava il Centro “Raggi di Sole” che viene gestito dalle Suore Francescane dei Poveri che sono molto brave e gentili. Non ho tardato a dare la mia risposta e ho detto subito di sì. Di questo non me ne sono pentito affatto; sono qui da più di un mese ed è stata per me come una nuova famiglia, oltre a mangiare con gusto ho trovato le Suore molto carine, ognuna con il proprio carattere. Suor Giuliana è stata la suora con cui mi sono trovato meglio anche perché mi ricorda mia nonna alla quale somiglia molto, senza però voler dire che Suor Monica e Suor Barbara siano di meno! Purtroppo il mio lavoro mi porta sempre ad arrivare tardi, dopo che tutti hanno mangiato ma questo non mi ha negato la possibilità di incontrare persone che frequentano il Centro: buone, gentili e disponibili.
Quando entro nel Centro trovo il calore della famiglia che ho perso in un lampo, senza che nessuna malattia ne avesse dato un preavviso. Spero di poter continuare a frequentare il Centro e ad integrarmi sempre di più tra coloro che lo frequentano, perché mi aiutano a dimenticare il vuoto che ho dentro di me negli affetti e nell’amicizia”.  F.

“Vorrei raccontare le mie difficoltà che ho avuto dal 2012 al 2014 in poche righe. Sono una signora italiana, il mio nome è M. e vengo dalla Sardegna. La mia situazione ha iniziato ad essere difficile quando non sono più riuscita a trovare lavoro e un posto per dormire. Spesse volte stavo in giro sui bus notturni o passavo la notte anche all’interno di qualche condominio. Poi mi ero trovata una soffitta, così per la notte avevo un appoggio, ma dopo 8 mesi il portiere mi ha scoperto e allora non sono potuta più stare. Intanto per tutte le difficoltà che avevo continuavo ad andare avanti con l’aiuto dell’assistente sociale. Nel 2014 non avendo possibilità per lavare gli indumenti sono venuta a conoscenza del Centro diurno “Raggi di sole” gestito dalle Suore Francescane dei Poveri. Sin dall’inizio mi sono trovata bene accolta.  Devo confessare che nella mia vita non ho mai visto suore come loro… ho ricevuto tantissimo a livello di aiuti e affetto e ringrazio sempre. Veramente per me hanno un cuore grande. Grazie”.  M.

a cura di Sr. Giuliana Vitale, sfp

© 2018 Francescane con i Poveri Onlus Aiuta la nostra ONLUS con il 5x1000: c.f. 97330470580