• 2018_pace.jpg
  • 2018_ponti.jpg
  • 2018_sussidiarieta.jpg
  • 2018_trasparenza.jpg
  • poveri_new.jpg
  • rete_nuovo.jpg
  • sogno_nuovo.jpg

La gioia di incontrare l'altro

Il Senegal è un paese con una lunga storia di colonizzazione fino al raggiungimento dell’indipendenza nel 1960. Da questo Paese, e precisamente dall’isola di Gorèe, partivano gli schiavi per le Americhe. Essendo un Paese laico, la convivenza tra i seguaci delle due grandi religioni, vale a dire l’islam e il cristianesimo, è grazie a Dio pacifica.

E’ in questo contesto che viviamo il nostro ministero di formazione delle nuove generazioni in varie zone del Paese.
Come Suore Francescane dei Poveri siamo presenti in Senegal dal 1978, con la fondazione della prima comunità a Koungheul, a 350 km ad est di Dakar.
Qui attualmente gestiamo un asilo e una scuola elementare, oltre a tre dispensari.

Nel 2008 a Lwanga, un villaggio distante da Koungheul due ore di pista, sono stati costruiti un asilo e una scuola elementare.
Dakar è la capitale del Senegal, con circa 2.000.000 di abitanti. Le nostre suore vi sono arrivate nel 1990. Vivono in due zone periferiche della città dove gestiscono due centri di formazione professionale per ragazze.

Samine è al sud del Senegal, nella regione della Casamance. E’ un’area molto povera dove le nostre suore, presenti dal 2005, stanno promuovendo la ricostruzione delle piccole scuole nei villaggi, distrutte durante il lungo periodo della guerriglia civile fra il movimento separatista della Casamance e l’Esercito regolare del Senegal.
La metà dei bambini e ragazzi che usufruiscono del progetto “Sostegno agli studi” sono musulmani.
In maggioranza sono bambini/e dell’asilo, elementari e medie. Alcuni frequentano le scuole superiori e professionali.

Le mamme, una cristiana e una musulmana, di due alunni hanno condiviso la loro esperienza.

Ringrazio Dio per avermi fatto incontrare le Suore Francescane dei Poveri. Nella mia casa ho avuto molte difficoltà: sono stata maltrattata dai miei genitori.
Questo mi ha spinta a portare mia figlia a scuola e lei si è integrata bene.
Allo stage ha ricevuto una buona istruzione. Sono molto felice e grata alla Congregazione delle Suore Francescane dei Poveri per i progressi che mia figlia sta facendo a scuola e per gli  ottimi rapporti con i suoi compagni di studio.
A.

Non ci sono parole per ringraziare, ma solo le mie preghiere per voi, perché se i nostri figli continuano a frequentare la scuola, e con buoni risultati, è grazie all’incoraggiamento delle Suore. Ciò che ci ha particolarmente toccato è il desiderio di aiutare il prossimo e servire i poveri, di dare serenità e coraggio. Ci sentiamo vicini a voi e vi ringraziamo per tutto, dal profondo del nostro cuore. B.

Ringraziamo Dio e preghiamo per tutti coloro che ci sostengono affinché tutte queste opere buone possano continuare.

Sr. Sophie Emilie Dioh, SFP

 

Se anche tu vuoi contribuire >>

© 2018 Francescane con i Poveri Onlus Aiuta la nostra ONLUS con il 5x1000: c.f. 97330470580